+39 347 2513730
KvB

Galateo Blog

7. Oct
2016
Verfasser:
KvB

Questione di stile: il baciamano

Nelle ultime settimane si è parlato molto di un gesto del galateo tradizionale, il baciamano. Quando infatti il 22 settembre scorso il Presidente del Coni Giovanni Malagò ha baciato la mano alla neo Sindaca di Roma Virginia Raggi, i giornali di tutto il mondo hanno pubblicato la foto del gesto.

Il “baciamano Malagò-Raggi” è diventato così un fenomeno virale sul web in poco tempo, e non tutti hanno accolto con simpatia la scelta di questo reverente saluto nell’occasione dell’incontro tra i due politici. Ma vediamo innanzitutto: come, quando e perché si utilizza il baciamano?

Una volta il baciamano era un’espressione per comunicare una stima profonda verso una Signora, e poteva essere fatto soltanto a Signore sposate, in luoghi chiusi, mai all’aperto o in pubblico. Era quindi vietato baciare la mano a una Signora nel foyer del teatro o per strada, ma invece permesso nel palco privato o a casa. Anche oggi il baciamano può essere utilizzato per comunicare la propria stima, ma per essere apprezzato bisogna saperlo fare e… riceverlo!

Due generazioni fa alle Signorine dell’alta società veniva insegnato fin da piccole come ricevere un baciamano, i Signori invece imparavano nelle Accademie militari o dalle Congregazioni studentesche. Oggi non tutte le Signore sanno ricevere il baciamano e non tutti i Signori lo sanno fare. Spesso si creano situazioni imbarazzanti, soprattutto nella vita professionale, con il rischio che un gesto cordiale – che vorrebbe e dovrebbe comunicare una stima profonda – venga utilizzato o interpretato come un gesto dettato dalla vanità di giovani (e meno giovani) rampolli della società.

Rimane quindi una decisione delicata decidere se fare o no un baciamano. In qualsiasi caso, prima bisogna conoscere le regole ed esercitarsi.

La guida del baciamano per i Signori:

  1. Il baciamano non è un gesto ridicolo, se lo si sa fare
  2. L’uomo prende con un tocco leggero le dita della mano destra della Signora e avvicina delicatamente la mano verso di sé
  3. Con un lieve inchino avvicina le labbra al dorso della mano
  4. Le labbra non devono mai toccare la mano della Signora, mantenendo una distanza di 1-2 cm
  5. Il baciamano va fatto dopo le ore 15:00
  6. Il baciamano va fatto solo nei luoghi chiusi

I tabù del baciamano:

  • Il Signore non deve mai toccare con le labbra la mano della Signora
  • Il Signore non deve mai tirare la mano della Signora verso il proprio corpo
  • Mai fare baciamano frettolosi o all’aperto
  • Mai fare un baciamano “selettivo”: baciata una mano, bisogna baciare le mani di tutte le Signore presenti (eccetto il personale di servizio)
  • Mai fare un baciamano con la giacca sbottonata. Il Signore, stando in piedi e non seduto, deve chiudere almeno un bottone della giacca. Vedi il mio blog post sul tema: http://www.kvb-galateo.it/de/blog/galateo-dellabbigliamento-maschile/
  • Mai fare un baciamano se non per comunicare la propria stima

La guida del baciamano per le Signore:

  1. Quando la Signora si accorge che l’uomo sta per salutarla con un baciamano, porge la sua mano (rilassata) all’altezza delle spalle e permette che il Signore prenda la punta delle sue dita per procedere al baciamano.
  2. La tradizione vuole che lo sguardo della Signora sia rivolto verso il basso.
  3. Durante il baciamano la Signora non prende mai la mano del Signore per stringergliela.

 

Ora conoscete tutti i dettagli sul baciamano… vedete qualche errore nel “baciamano Malagò-Raggi”?

 

(immagine Sky.it)

Zum Blog zurück
Nach oben

Mit dem Besuch dieser Webseite erklären Sie sich damit einverstanden, dass wir Google Analytics benutzen. Hier mehr zum Datenschutz.

OK