+39 347 2513730
KvB

Galateo Blog

26. Jan
2015
Verfasser:
KvB

Il Galateo delle presentazioni

Come presento la mia compagna nel modo corretto? Vale sempre e per chiunque ‘Ladies’ first’? Prendiamo come esempio una situazione che sarà capitata a tutti: vi trovate a un evento di lavoro, incontrate vostro capo e vorreste presentargli vostra moglie o compagna. Lui porge immediatamente la mano alla vostra Signora e si presenta in modo cordiale, prima di avervi salutato. Ha mostrato veramente di essere un Cavaliere facendo così? In realtà no. Secondo il Galateo, chi si conosce si saluta per primo, solo dopo saranno fatte le presentazione dei rispettive accompagnatori/trici. In questo caso voi avreste dovuto salutare vostro Capo, per poi presentargli vostra moglie/compagna. Quindi, prima regola del Galateo del saluto: conosciuto prima dello sconosciuto. Nel business inizia con le presentazioni chi occupa la posizione minore nella gerarchia d’ufficio, per dimostrare rispetto a chi sta ‘sopra’ di lui, e ha diritto di sapere chi si trova davanti. Per quanto riguarda il Ladies first, qualcosa è cambiato nel Galateo moderno. Una volta le Signore occupavano automaticamente il posto più alto nella gerarchia degli eventi sociali e avevano quindi diritto di sapere come prime chi avevano di fronte. Oggi spesso questa regola va sostituita con ‘L’estraneo vince sul conosciuto’. Vostra moglie è insieme con voi, e occupa quindi la vostra stessa posizione sociale. All’incontro con vostro capo va quindi presentata lei a lui (dopo che vi siete salutati), in questo modo voi dimostrate under Statement. Anche grazie all’emancipazione, la regola del Ladies first non ha più la stessa importanza di una volta. Oggi spesso è la situazione che decide che occupa la posizione più alta. Per esempio: la segretaria viene salutata dopo il Capo, e l’ospite femminile viene presentata al padrone di casa maschile.

Zum Blog zurück
Nach oben

Mit dem Besuch dieser Webseite erklären Sie sich damit einverstanden, dass wir Google Analytics benutzen. Hier mehr zum Datenschutz.

OK